RETE ESA

Excellentia Superior Animus

RETE ESA

Excellentia Superior Animus

RETE ESA

Excellentia Superior Animus

RETE ESA

Excellentia Superior Animus

RETE ESA

Excellentia Superior Animus

RETE ESA

Excellentia Superior Animus

CHI SIAMO

ESA, acronimo di Excellentia Superior Animus, è una rete – contratto formata da imprenditori, istituzioni, associazioni, professionisti che hanno un unico comune denominatore: la promozione del territorio dell’Appennino Tosco- Emiliano mediante la piattaforma multi tematica ECO FUTURO APPENNINO con le declinazioni: Eco Tecnologie, Eco Turismo ed Eco Trasporti.

Nasce da un grande lavoro svolto dall’Associazione ABC- Appennino Bene Culturale in concertazione con tutte le altre realtà associative del territorio appenninico, durato oltre sei anni, che ha generato la mappatura delle risorse storiche, naturalistiche, archeologiche, paesaggistiche, etnografiche, artigianali e imprenditoriali che sono confluite nell’archivio denominato ARCA. A questa associazione culturale si sono sommate le lunghe esperienze di numerosi imprenditori del territorio in svariati settori.

I suoi obiettivi sono la valorizzazione delle tradizioni locali con sbocco internazionale, le emergenze delle eccellenze appenniniche, perseguendo l’ottimizzazione delle risorse presenti sull’area dell’Appennino Tosco-Emiliano – Romagnolo ed in particolare sulla direttrice europea di massima importanza strategica Bologna / Firenze.

Tra i partecipanti fondatori della rete contratto ESA annoveriamo: Cosmoderma Srl , Farmacia Speghini, Podere Cà di Sopra Srl, GEAL SpA, Tacchificio Monti Srl, Pointech Srl, ANM DESIGN Srl, MEDIATICAWEB Srl, Autonomie Locali Srl, Scuderia Jaguar Storiche, SI-GE di Bertini, APPENNINO AMBIENTE Srl, e molte altre.

IMPORTANTE!

Turismo: Emilia-Romagna e Toscana rinnovano
l’alleanza per la promozione della montagna

ECO FUTURO APPENNINO

Tecnologie – Turismo – Trasporti

In Italia, ma anche in gran parte dell’Europa, viviamo uno scenario sociale ed economico estremamente difficile e ci domandiamo spesso come superare questa situazione di lunga e preoccupante stagnazione.

Si sente la necessità di mettere sul tavolo nuove idee, nuovi materiali, tecnologie inedite, che abbiano tutte un comune denominatore: impatto ZERO sulla natura, ossia quel luogo dove tutti viviamo.

L’Appennino Tosco-Emiliano è attraversato da un’importantissima direttrice europea (E35) e da due linee ferroviarie (Alta velocità e Direttissima), ma ha anche altre risorse importantissime da poter dare:

  • È un’area davvero strategica con i suoi Parchi naturalistici (Dei Laghi, Monte Sole, Montovolo, Mugello, Linea Gotica, Corno alle Scale, Calanchi dell’Abbadessa), ricca di testimonianze storiche e con abbondanti risorse energetiche rinnovabili: acqua, vento, geotermia, cippato, eccetera.
  • Vanta sedi di ricerca di grande potenzialità e prestigio (ENEA, ENEL, Fondazione Guglielmo Marconi, con i relativi Laboratori internazionali) e può interagire con attori primari nel comparto economico: Autostrade, Trenitalia, Hera, Pubbliacque, eccetera).
  • Ha numerosi laghi che saranno certamente elemento di attrazione per ECO Turisti: Brasimone, Suviana, Santa Maria, Castel dell’Alpi, Bilancino, Ridracoli, Scaffaiolo.
  • Presenta numerosi percorsi del CAI e deliziosi ed accoglienti agriturismi disseminati su tracciati di grande bellezza.

L’Appennino Bolognese e quello Fiorentino sono una VIA dal Nord Europa al Nord Africa, posta in mezzo a due aeroporti internazionali: Bologna e Firenze, ed anche equidistante rispetto a due importantissime riviere: Romagna e Versilia.

I nuovi progetti di: MATERIALI, PRODOTTI e SERVIZI, tutti ecocompatibili e connessi, debbono essere in grado di utilizzare questo enorme potenziale, ottimizzando al massimo le risorse presenti sul territorio, in modo che non ci siano sprechi economici, logistici o organizzativi.

Ecco perché nasce la piattaforma allargata dell’Innovazione denominata ECO Futuro Appennino: per mettere seriamente in rete tutte le eccellenze che sono già presenti sul territorio, organizzando tutte le infrastrutture esistenti e di prossima realizzazione (es. Variante di Valico).

È necessario cogliere tutti i benefici, in primis per la fase di insediamento e di R&D di nuovi ECO prodotti.

In una seconda fase sarà poi necessario realizzare momenti di incontro per divulgare quanto ottenuto. Infine sarà utile anche lo strumento delle manifestazioni locali, per divulgare i risultati dell’azione svolta e procedere poi alla promozione innovativa e vincente del turismo, del territorio e dei suoi prodotti ECO compatibili.

ECO Futuro Appennino non è solo un sogno, ma un sogno realizzabile; è un progetto lungimirante e difficile ma, come amava dire Enzo Ferrari: “difficile” vuol dire che è possibile realizzarlo.

La montagna bolognese e quella fiorentina debbono accettare la sfida e con il progetto ECO Futuro Appennino potranno dare tanto anche alle sottostanti pianure, senza perdere mai di vista gli aspetti più importanti: il futuro dei giovani, la tutela del territorio e la sua valorizzazione nel rispetto delle sue tipicità.

ECO Futuro Appennino parte e ci auguriamo che tanti siano al nostro fianco, accettando questa sfida per valorizzare l’eccellenza della nostra Storia, della nostra Tecnica e del nostro “Saper Fare” che contraddistingue l’Italia nel mondo.

 

Contatti

Se vuoi contattarci o hai delle domande, non esitare a scriverci!

Oppure scrivi a:

info@reteesa.it

Rete Esa

Le foto dello slider sono una gentile concessione di:

AFI - Associazione Forestale Italiana, ABC - Associazione Bene Culturale, Centro Documentazione Pianese, William Vivarelli, Luciano Laffi

SEDE LEGALE

Via Risorgimento, 17
San Benedetto Val di Sambro
Bologna (BO), 40048

ALTRO

Designed by NETTARE21